Centaury

CENTAURY – Fiore di Bach n.4
Centaurum umbellatum

È il fiore per chi fa fatica a dire di no, è utile alle persone molto empatiche che intuiscono i bisogni degli altri e si attivano per rispondervi.
Col tempo, quando l’atteggiamento si è cristallizzato, la persona che necessita di Centaury può sviluppare forme di intolleranza (da armonizzare con Beech se occorre), che la portano a forme di aggressività nate dal risentimento (per cui può essere d’aiuto Willow) per aver subito la volontà altrui a causa dell’incapacità di dire di no.
La persona che ha bisogno di Centaury può quindi non manifestarsi subito, ma dopo l’uso di alcuni fiori che – a mo’ di cipolla – sfogliano gli atteggiamenti compensatori più visibili in superficie, può apparire il bisogno di Centaury.
Questi aspetti sono da tener presenti quando una persona appare intollerante o risentita. È importante domandarsi “cosa l’ha portata a manifestarsi cosi?” se si sospende il giudizio si può individuare in modo più preciso il fiore di cui ha bisogno.
Si usino pure i fiori utili “nel qui e ora” come suggerisce il Bach Centre, ma poi si riveda il cliente per aiutarlo a far emergere i bisogni autentici sepolti da atteggiamenti compensatori: in questo caso il bisogno di manifestare la propria volontà autentica.
Si può eventualmente aiutare con Walnut la protezione dei “confini”, cosi da evitare che una volontà appena sbocciata venga “deviata” nuovamente dai desideri altrui.
Se si riflette sulla natura di Centaury, su ciò che caratterizza chi ha bisogno del fiore, si può comprendere perché l’aspetto Centaury non si manifesti subito: una persona che ha soppresso a lungo i propri bisogni autentici, anche nel colloquio di consulenza può avere difficoltà a esprimere ciò che desidera per sé… si giudicherà per questo e sposterà il colloquio in altre direzioni. È importante essere attenti a cogliere le sfumature, sfumature che i fiori ci insegnano a riconoscere se siamo in sintonia col metodo del dr. Bach.