Crab apple

CRAB APPLE – Melo selvatico

Il fiore del Melo selvatico purifica il corpo e la mente.
Il rimedio di Bach aiuta a riequilibrare la paura del contagio; una paura folle che in questi giorni di “emergenza coronavirus” fa oscillare le persone dalla psicosi al suo opposto la negazione del problema. Un fiore che può ricondurre a un “sano senso di responsabilità” verso il proprio corpo, la propria salute e il rispetto della salute del prossimo.

Chi ha bisogno di Crab apple è spesso una persona spaventata dall’idea di ammalarsi, l’ipocondriaco; ma anche l’igienista che disinfetta ogni cosa in modo maniacale.

Crab apple è smarrito, ha paura di ammalarsi, di contagiarsi, soffre di pruriti, malattie della pelle, che rendono visibile la paura del “contatto” (la pelle è il nostro condine).

Il fiore è utile anche per chi prova vergogna per il proprio corpo, per la propria sessualità che necessariamente chiede di relazionarsi con l’altro tramite il corpo.

Il Melo selvatico mostra a primavera i suoi fiori candidi che si aprono da boccioli rosati, che arrossiscono per la vergogna di dover apparire, ma poi sbocciano e offrono il loro candore, la purezza… Ed è proprio il mostrarsi/non mostrarsi, il cercare un contatto e rifuggirlo il tema di Crab apple.

Il rimedio di Bach aiuta riequilibrare queste polarità: volere il contatto e non volerlo, superare i propri confini e preservarli.

Se temiamo il contagio oltre misura, se perdiamo la ragionevolezza, se ci sentiamo “contaminati” e spaventati, qualche goccia di Crab apple può aiutarci a vivere con equilibrio anche una situazione complicata come quella attuale.

Qualche goccia di Crab apple in un mix personalizzato, o anche da solo in un dito d’acqua, può aiutare a riequilibrare la paura del contagio e ricondurla a una “sana” precauzione.